SensuabilityÈ un progetto di sensibilizzazione, ideato e prodotto da Armanda Salvucci, il cui obiettivo è di eliminare gli stereotipi e pregiudizi relativi alla sessualità e disabilità e favorire la libertà di espressione delle persone oggetto di pregiudizi, partendo dal proporre nuovi linguaggi e un nuovo modo di fare cultura che agisca attraverso tutte le forme d’arte, dalla cinematografia alla fotografia, alla pittura alla musica e al fumetto.
Un percorso che utilizza differenti e nuovi linguaggi per rappresentare e vedere in altro modo la disabilità.

Sensuability: la mostra di fumetti
Il 25 ottobre è partito il concorso “Sensuability & Comics”, concluso il 12 gennaio, che ha coinvolto gli illustratori e i fumettisti a livello nazionale con l’obiettivo di rappresentare il tema della sessualità e della disabilità attraverso i fumetti, probabilmente per la prima volta. Il premio per i concorrenti sarà la pubblicazione in un volume e la partecipazione alla mostra “Sensuability: ti ha detto niente la mamma?” che si terrà a Roma il 14 febbraio 2019. Attraverso il concorso e la mostra vogliamo sensibilizzare su un tema complesso, qual è la sessualità, contribuendo a creare un immaginario erotico che descriva corpi non perfetti ma estremamente sensuali. L’ironia sarà la chiave con cui sarà trattato l’argomento. Al momento hanno accettato di partecipare, donando una tavola per la mostra, Milo Manara (che sarà anche presidente di giuria), Mauro Biani, Frida Castelli, Fabio Magnasciutti, Stefania Infante, Cecilia Roda, Luca Baghetti, Frad, Marco Gavagnin, Lorenzo La Neve, Matilde Simoni, Pietro Vanessi, Tullio Boi, Andrea Bozzo, Nanni Mattei e molti altri.

http://www.sensuability.it/