Le Tappe
I Promotori
I Partners
I Produttori
Sponsor
logo_facebook
Alexa Certified Site Stats for www.magnalonga.net

Articolo su Acea.it

Il 22 maggio in mostra i “Nasoni de Roma”

Qui l'articolo originale: http://www.aceaspa.it/ViewDocument.aspx?lang=it&docid=67772ff7cae741069195aa4ef331cbad 

Il 22 maggio a Roma mostra fotografica sui “Nasoni de Roma” con la II edizione della “Magnalonga”. Acea partner della mostra

Nella serata del 22 maggio, si terrà nella sede di Legambiente Capoprati, la mostra fotografica "Nasoni de Roma". La mostra verrà allestita grazie al contributo di Acea nell’ambito dell’iniziativa “Magnalonga 2010: in bici degustando Roma”. Si tratta di un percorso molto semplice, 20 chilometri di pista ciclabile, che attraversa i più bei parchi della città con tappe di degustazione a Villa Glori, Villa Ada e Villa Borghese. Per la seconda edizione della Magnalonga è prevista la presenza di oltre 300 ciclisti. A fine percorso, sarà possibile ammirare la mostra "Nasoni de Roma" allestita, nell’area di parco Capoprati lungo il Tevere in zona Prati – Ponte Milvio, con le immagini del concorso lanciato il 20 marzo in occasione delle celebrazioni della Giornata mondiale dell’Acqua e aperto a tutti per fotografare le caratteristiche fontanelle della capitale. L’appuntamento è dalle ore 21.00 alle ore 23.00 in via Capoprati, 12/A.

Informazioni su

www.magnalonga.net

www.nasonideroma.blogspot.com/

www.legambientecapoprati.org/
 
   

Banner, pulsanti e loghi

Qui potete scaricare alcuni banner e pulsanti per il vostro sito web, e il logo della Magnalonga.

E' possibile anche inserire soltanto il codice html che trovate sotto ciascun banner.

 

Logo Magnalonga

Logo Magnalonga jpg 850x454 pixel

Logo Magnalonga jpg 850x454 pixel

Logo Magnalonga png 850x454 pixel 

Logo Magnalonga png 850x454 pixel

Logo Magnalonga eps 

Logo Magnalonga eps

Logo Magnalonga pdf

Logo Magnalonga pdf 

   

Articolo su La Nuova Ecologia di Febbraio 2010

Magnalonga 2010 – In bici degustando Roma – stiamo arrivando!

(Circolo Legambiente MondiPossibili, Roma)

Magnalonga a pedali per il verde in città 

di Roberta Miracapillo

(Qui l'articolo originale) 

Certo, c'è da avere paura. Pericoli ad ogni angolo, ferimenti e uccisioni all'ordine del giorno, assenza di attenzione da istituzioni e media. Solo che questa non è la situazione di una minoranza in uno stato di guerra, ma di chi giornalmente sceglie di prendere la bicicletta come mezzo di trasporto.

Il mondo dei ciclisti ne è consapevole: questa scelta non è né facile né comoda.

Eppure, dati alla mano, l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto preferito ed utilizzato è in continuo aumento da anni, tanto che anche le istituzioni, seppur lentamente, se nestanno rendendo conto: sono in costante aumento domanda e offerta di bikesharing, la costruzione di piste ciclabili e l'enorme bacino dei potenziali utilizzatori della bicicletta, cioè coloro che la userebbero se migliorassero le condizioni attuali.

Perché, c'è da chiedere a tutti loro, con tante difficoltà, in tanti fate questa scelta ogni giorno? Perché, o irriducibili testardoni, vi ostinate a faticare e sudare (quando va bene) o addirittura ad andare all'ospedale (quando va meno bene)? Perché non vi arrendete alla comodità di un'auto privata, magari con climatizzatore?

Non si tratta di un esercito di inguaribili romantici con simpatie hippy: il popolo dei ciclisti è composto da un'umanità decisamente variegata. C'è chi lo è perché, da sempre sportivo e salutare, non vuole smettere di esserlo nemmeno la mattina mentre va a lavoro (si consumano circa 500 calorie per un percorso di 15 km e  usarla tutti i giorni aiuta a prevenire l’infarto, l’ipertensione, l’obesità, l’astenia muscolare e i disturbi del sonno).

C'è chi lo è perché già in tempi non sospetti, prima della crisi, voleva risparmiare e far risparmiare (rinunciare all’automobile aumenta le nostre entrate di almeno 3000€ all’anno tra costo di ammortamento, assicurazione, bollo, manutenzione, carburante...inoltre la realizzazione e la manutenzione di piste ciclabili richiedono costi minimi).

C'è pure chi lo è perché non ha nessuna intenzione di passare un'ora nel traffico a sbraitare contro il proprio vicino e aspettare 32 semafori rossi (per i percorsi urbani fino a 6 chilometri di distanza, la bicicletta è più veloce dell’automobile. E’ calcolato anche il tempo necessario per uscire da casa e per parcheggiare!)

E certo, c'è anche chi lo è perché è uno di quegli strani personaggi che vuole rispettare l'ambiente (riduzione dell'inquinamento acustico, della congestione del traffico e quindi dell’emissione dei gas di scarico).

E per ultimo, ma non ultimo, c'è anche chi vuole godersi una bella pedalata tra le vie della sua città, chi ama la sua bicicletta, chi ne è diventato dipendente… chi non riesce più a spostarsi con la macchina, chi la trova il mezzo migliore, il più godereccio (la bici permette un contatto diretto con le persone, le località, i paesaggi, i suoni, gli odori e gli elementi naturali, una visione a 360°).

A costoro (e a tutti gli altri, anche gli automobilisti incalliti) è rivolta l'iniziativa "Magnalonga in Bicicletta", organizzata per la prima volta a Roma a Maggio 2009 dal circolo "Mondi Possibili" e che si ripeterà il prossimo 22 maggio.

Di cosa si tratta, a parte la scontata pedalata collettiva?

L'idea prende spunto dalle numerose “Magnelonghe” (scusate la licenza) sparse in Italia, soprattutto a nord, che vedono un gruppo di persone passeggiare per boschi o per paesi alla scoperta delle sue bellezze e delle sue prelibatezze gastronomiche. A questo si aggiunge il desiderio di riscoprire vie e piazze dei nostri quartieri poco conosciuti, nonché le piccole associazioni e locali che li animano.

Come se non bastasse c'è anche la degustazione di prodotti tipici e biologici dei produttori del territorio.

Il 9 maggio 2009 circa 100 persone si sono ritrovate a fare un percorso di circa 25 chilometri (accessibili anche a chi, come me, arranca al primo accenno di salita) fermandosi in 7 tappe tra associazioni culturali enoteche e riserve per degustare focacce, pizze, dolci, miele, vini e oli ...il tutto biologico e ottimo.

Sono passate attraverso parchi, piste ciclabili, viuzze e strade trafficate spesso rallentando il traffico (con un certo piacere). Hanno visto o ritrovato quartieri poco o per nulla conosciuti e persone allegre.

Hanno pedalato molto, come tanti non facevano da forse troppo tempo...

E hanno chiesto di rifarlo! Anche nel 2010 quindi, la Magnalonga in bicicletta ci sarà. Sarà di nuovo un appuntamento per sensibilizzare chiunque sia in ascolto sui vantaggi che questo mezzo ci offre, in un'occasione gioviale e divertente. Ma anche per rendersi conto della situazione di degrado e incuria in cui spessissimo versano le nostre bellissime ciclabili, della noncuranza tendente al fastidio con cui il traffico reagisce ai ciclisti, delle potenzialità grandissime di questo mezzo. L’appuntamento è per il 22 maggio 2010, si parte il pomeriggio per finire in bellezza con una grigliata e una festa sul Tevere. In totale 25 km, un giro ad anello che attraversa i più bei parchi della città (Villa Ada, Villa Borghese, Villa Glori) coinvolgendo associazioni di ciclisti come la Fiab e aziende di produttori locali.

Sarà una di quelle giornate in cui ogni ciclista si renderà conto di non essere solo, di non aver fatto una scelta azzardata e un po' pazzerella, ma di far parte di una schiera di persone consapevole, decisa e sempre più numerosa.

Che chiede a gran voce esempre più a ragione di non dover più affrontare la strada come un campo di battaglia, ma che le sia dato sempre più spazio e sicurezza.

Per ulteriori informazioni www.magnalonga.net –  info@magnalonga.net Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  – 328/0651517

(Qui l'articolo originale)